Contatti

Tel: 071202881
E-mail: studio@giorgiorappelli.it

Giorgio Rappelli

Laureato in Odontoiatria e Protesi Dentaria ad Ancona. Diplomato in “Licence en Médecine Dentaire”presso l’Università di Ginevra (Svizzera). Specializzato in Implantologia presso l’Università di San Paolo (Brasile).
È Professore Universitario di Malattie Odontostomatologiche e, dal 1999 ad oggi, coordinatore del Corso Integrato di Protesi Dentaria dell’Università Politecnica delle Marche.

È coordinatore del Master in Parodontologia ed Implanto-protesi dell’Università Politecnica delle Marche.

Reviewer di numerose riviste scientifiche ed autore di più di 100 pubblicazioni edite su riviste scientifiche nazionali ed internazionali.
Relatore di conferenze e corsi in Italia ed all’ estero.

Competenze

Il gruppo di lavoro coordinato dal prof. Giorgio Rappelli è accomunato da un alto profilo professionale e da una visione umanistica del proprio lavoro, laddove il rapporto umano col paziente viene considerato il cardine del trattamento odontoiatrico ed il presupposto per il buon esito delle terapie.
Lo staff è specializzato nella prevenzione e nel trattamento delle patologie che portano alla perdita degli elementi dentari, così come nella gestione delle conseguenze di tali malattie (protesi dentaria ed implantoprotesi).
La diagnosi precoce, l’individuazione dei fattori di rischio e la prevenzione delle patologie odontoiatriche è infatti la base della nostra pratica professionale. L’obiettivo primario che perseguiamo è semplice e chiaro: salvaguardare e mantenere per tutta la vita i denti naturali e la salute orale dei nostri pazienti tramite programmi strettamente personalizzati di salute orale.
Qualora gli esiti delle malattie orali abbiano portato alla perdita di elementi dentari, necessari per la masticazione o per l’ estetica, il ripristino della dentatura deve avvenire in modo conservativo ed appropriato al caso specifico.
In ambiti come l’ odontoiatria restaurativa, l’ implantologia, le protesi estetiche, il prof. Rappelli ed i suoi collaboratori hanno pubblicato articoli originali editi su riviste specialistiche internazionali e tengono regolarmente seminari per la comunità scientifica.

Roberto Di Felice

Laureato in Medicina e Chirurgia ITALIA.
Laureato in Odontoiatria, Ginevra, SVIZZERA.
Laureato in Odontoiatria, ITALIA.
Dottorato in Odontoiatria, Ginevra, SVIZZERA.
International Fellow e Responsabile dei gruppi ITI (International Team of Implantology) per la Regione Marche.
Autore di pubblicazioni ortodontiche nazionali e internazionali.

Massimiliano Mandurino

Laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria Università di Pavia.
Specialità in Ortognatodonzia Università di Pavia.
Formazione Postgraduate 4 anni in Ortodonzia e Ortopedia dentofacciale, valida per il conseguimento della Specialità Svizzera in Ortodonzia presso Università di Ginevra (CH).
Socio attivo Sido (Società italiana di ortodonzia).
Socio attivo AIdOr (Accademia italiana ortodonzia).
Certificato di eccellenza in ortodonzia IBO (Italian Board of Orthodontics). Professore a contratto in Ortodonzia Funzionale Università di Pavia anni 1996-1997.
Autore di pubblicazioni ortodontiche nazionali e internazionali.
Si occupa di Ortodonzia e Ortopedia Dento-Facciale.

Claudia Massaccesi

Laureata in Odontoiatria e Protesi Dentaria ad Ancona.

Diplomata “Licence en Médecine Dentaire” presso la Facoltà di Medicina dell’Università di Ginevra il 15-09-1998.

Specialista in “Ortognatodonzia” presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’ Università degli Studi dell’Aquila, in febbraio 2012.

Perfezionata in “Ortodonzia Intercettiva” presso l’Università degli Studi di Firenze nel gennaio 2007.
Master Universitario di II livello “Odontoiatria in età evolutiva” conseguito presso l’Università degli Studi “La Sapienza”di Roma, il 22 novembre 2004.
Perfezionata in Endodonzia presso l’Università degli Studi di Chieti il 15 maggio 1995.
Dal 2006 al 2011 titolare, a contratto, dell’insegnamento di “Pedodonzia” presso il Corso di Laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria – Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università Politecnica delle Marche.
E’ referente per la Regione Marche della Società Italiana di Odontoiatria Infantile.
Ha ottenuto la certificazione al sistema Odontoapneia per la diagnosi ed il trattamento delle OSAS (Sindrome da Apnee Ostruttive del Sonno) Autrice di n° 49 pubblicazioni scientifiche in campo odontostomatologico.

Staff

  • Prof. Giorgio Rappelli
  • Dr. Roberto Di Felice
  • Dr. Massimiliano Mandurino
  • Dr.ssa Claudia Massaccesi
  • Competenze

I DENTI DEL GIUDIZIO

I denti del giudizio, o terzi molari, si formano durante l’infanzia e solitamente spuntano tra i 15 e i 25 anni. Se in passato si tendeva a rimuoverli il più presto possibile, al giorno d’oggi i dentisti preferiscono effettuare l’estrazione dei terzi molari solo nei casi in cui questa si renda necessaria. È quindi importante mantenere sotto controllo la crescita dei denti del giudizio, per essere pronti a intervenire nel caso in cui fosse necessario estrarli per evitare che possano causare problemi al resto del cavo orale.

QUANDO È NECESSARIO INTERVENIRE? Se il dente del giudizio erompe regolarmente, allineandosi con il resto della dentatura e senza creare alcun problema al mantenimento di una corretta pulizia e igiene, non è necessario né consigliabile procedere alla sua estrazione. In passato l’avulsione veniva consigliata a prescindere, anche come misura preventiva, al fine di poter intervenire sugli ottavi negli stadi precoci, quando le radici non sono ancora completamente formate e l’estrazione risulta quindi più agevole.

Ora invece l’atteggiamento prevalente in ambito dentistico è maggiormente conservativo, e si preferisce procedere all’avulsione solo quando strettamente necessaria. Ecco i principali casi in cui è necessario intervenire:

1) Quando il dente del giudizio si caria o è interessato da ascessi o cisti. In questi casi è sconsigliato procedere a un’otturazione o una devitalizzazione, anche in considerazione della difficoltà di mantenere un’igiene orale ottimale in una zona così scomoda della bocca. 

2) Quando il dente del giudizio cresce storto. In questo caso gli ottavi possono ostacolare l’igiene dentale ed esporre i denti vicini al rischio di carie, gengiviti e ascessi, o addirittura spingere sugli altri denti e minare un corretto allineamento delle arcate: in alcuni casi, non trovando spazio, gli ottavi possono addirittura crescere in senso orizzontale.

3) Quando il dente è spuntato solo parzialmente. Se lo sviluppo è incompleto, il cavo orale viene esposto al rischio di nascita di focolai batterici o infiammazioni gengivali.

COME AFFRONTARE L’ESTRAZIONE DI UN DENTE DEL GIUDIZIO - Sebbene l’estrazione di un dente del giudizio possa generare ansia in chi si deve sottoporre all’operazione, è bene ricordare che si tratta di un intervento ormai di routine, con un’incidenza di complicazioni estremamente limitata e con un periodo di guarigione molto breve, in genere di 1-3 giorni. L’intervento viene svolto in anestesia locale, dopo aver verificato la posizione delle radici attraverso radiografia panoramica. In alcuni casi, nei giorni precedenti l’intervento, il dentista può prescrivere un antibiotico per prevenire eventuali infezioni.

Urgenze

Per urgenze fuori dall'orario di normale attività chiamare il seguente numero di telefono

• 071 202881

Lo staff sarà sempre a disposizione dei nostri pazienti, compreso nei fine settimana, nei periodi festivi e giorni in cui lo studio non esercita normale attività.

Con 2 sedute denti funzionalmente ed esteticamente perfetti

Ricostruzione dei denti in brevissimo tempo

Entra

Qualche consiglio per la salute orale dei neonati

Entra

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e potrai ricevere notizie riguardanti le nostre ultime attività