Contatti

Tel: 071202881
E-mail: studio@giorgiorappelli.it

Traumi dentali, come comportarsi in caso di incidente

Con la bella stagione e la fine della scuola, i nostri bambini passano sempre più tempo all’aria aperta, giocando al parco, andando in bicicletta, in spiaggia. Attività sicuramente da incoraggiare che possono però comportare dei rischi anche per la dentatura. Sono infatti in aumento i traumi dentali su pazienti nella prima infanzia e in età evolutiva, anche se poi le statistiche indicano nell’ambiente domestico il luogo con i maggiori rischi.

 

La  prevenzione  è  come  sempre  la  migliore  cura,  evitare  situazioni  potenzialmente  pericolose  è  il  primo  passo  per  evitare   traumi, come necessario è adottare tutti quei sistemi di protezione (caschi, paradenti, etc.) se si pratica attività sportiva o ludica potenzialmente a rischio. Ma l’incidente può sempre capitare.

 

In caso di trauma dentale tranquillizzare il bambino è la prima cosa da fare. Se l’incidente ha comportato l’avulsione del dente la prima cosa da fare è recuperarlo e conservarlo in un contenitore immergendolo in latte o saliva o semplicemente in acqua e recarsi immediatamente dal proprio dentista di fiducia. Il dente può essere reimpiantato, se fatto nelle 2-3 ore successive, con buone possibilità di essere recuperato.

 

Se il dente si è semplicemente fratturato, anche in queto caso recuperate il frammento, il vostro dentista potrà, in molti casi, ricomporre la parte fratturata.

 

Una volta completato l’intervento del dentista, si dovrà seguire il decorso post clinico mantenendo un’ottima igiene orale, spazzolando i denti dopo ogni pasto ed applicando sulle parti traumatizzate del gel di clorexidina se prescritto dall’odontoiatra.

 

Si raccomanda, inoltre, una dieta soffice per 10-14 giorni e, nei bambini più piccoli, limitare l’uso del ciuccio.

 

Da sapere che durante la fase di guarigione è possibile l’insorgenza di complicanze come dolore, gonfiore, aumento di mobilità o comparsa di fistole per le quali si rende necessario l’intervento dell’odontoiatra. Visite di controllo frequenti dal proprio dentista di fiducia, fino alla completa guarigione, sono consigliate.